PROGETTO GEOGASTOCK

Progetto Geogastock
Gravela: ricadute positive sulle imprese locali

La conferenza di servizi sulla centrale di stoccaggio di gas in Valbasento, che ha registrato il pieno appoggio delle amministrazioni di Ferrandina e Salandra, si è conclusa senza l’intesa con la Regione.
In proposito Vito Gravela, presidente di CONFAPI Matera, ricorda le ricadute positive che potrebbero esserci per lo sviluppo locale in conseguenza della rilevante mole di lavoro che ne deriverebbe per le imprese del territorio.
Infatti, in questo particolare periodo di grande crisi del settore delle costruzioni in Basilicata, un investimento privato di 170 milioni di euro, capace di dare lavoro per due anni alle imprese e alle maestranze locali, non dovrebbe essere vanificato. Si confida, quindi, nella sensibilità della Regione perché si esprima in tempi brevi.
Secondo Gravela occorre certamente un’attenta valutazione circa l’impatto ambientale, ma occorrono altresì risposte chiare in tempi certi, prima che Geogastock decida di investire altrove. Il territorio della Valbasento è ormai allo stremo e quella poca imprenditoriale locale che ancora sopravvive ha bisogno di nuove prospettive.
L’auspicio è che il Ministero dello Sviluppo Economico decida in fretta, dopo un’istruttoria durata tre anni, su un progetto definito strategico a livello nazionale.

Matera, 30 novembre 2011     
CONFAPI MATERA
Ufficio Stampa

You should be logged to write a comment